Direttore Valter Vecellio. 12 hours 8 min ago

Idee per la politica radicale

I Radicali e la sindrome da “ex”

Il Partito Radicale è diverso dagli altri: poco numeroso com’è (una volta in 60 anni ebbe 11mila iscritti ed un’altra volta raggiunse i 40mila, mentre di norma fatica a superare i mille) ha il più vasto numero di “ex” di qualunque altro partito. 

Laura Arconti

A chi attendeva una seconda puntata della polemica Pannella/Bonino. Contento di averli delusi

La si può immaginare, la delusione. Domenica, tra le 17 e le 19, a Radio Radicale, la consueta conversazione con Marco Pannella. Immaginabile che giornalisti  (e non solo loro), si siano sintonizzati, avidi e vogliosi di carpire qualche ulteriore brandello della ormai per tutti polemica Pannella v/s Bonino. Spiacenti; è andata male.

Valter Vecellio

Prossimo incontro con la Treccani per l’esame dell’archivio di “Radio Radicale”. E la risorta “Unità”…

“1984” di George Orwell è, da quando è apparso, la mappa per il riconoscimento della peggiore distopia sociale prevedibile: quella di un mondo in guerra perenne fra coalizioni geopolitiche continentali in continua alternanza di alleanze e conflitti reciproci; governato, tramite mezzi di comunicazione televisivi a due vie diffusi ed invasivi sino a livello del singolo individuo soggetto ad un controllo cui non è possibile sottrarsi e governati da un dittatore noto solo per la sua icona continuamente ostentata, “il Grande Fratello”  al quale l'unica resistenza denunziata è quella di un movimento che fa riferimento ad un personaggio criminalizzato dal regime (Emmanuel Goldstein) ed al suo testo di riferimento ideologico: “Teoria e prassi del collettivismo oligarchico”.

Guido Biancardi

Per il progresso delle idee liberali dal monoteismo nessun ruolo propulsivo

È sorto un dibattito, nel corso di una delle riunioni di mezzodì a Torre Argentina, circa il giudizio che sia possibile dare sul monoteismo o sui monoteismi. La posizione di Marco Pannella, in proposito, appare, come è noto, per nulla confessionale ma ciò nonostante volta ad accreditare ai monoteismi, sul piano culturale, una rilevante e centrale funzione nel processo storico di consapevolezza del valore della persona umana. Il monoteismo, secondo Pannella, avrebbe avuto il ruolo di liberare le coscienze. La mia posizione è, al contrario, quella di non ritenere che per il progresso delle idee liberali, vi sia stato un ruolo propulsivo e marcatamente positivo del monoteismo. Il dato storico, innanzitutto, per come lo conosco, rende evidente il contrario.

Mauro Fonzo
Syndicate content

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com