Direttore Valter Vecellio. 7 hours 56 min ago

Carceri e giustizia

Pena di morte, il rapporto 2015 di Nessuno tocchi Caino

04-08-2015

L’evoluzione positiva verso l’abolizione della pena di morte in atto nel mondo da oltre quindici anni, si è confermata nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015. 

I Paesi o i territori che hanno deciso di abolirla per legge o in pratica sono oggi 161. Di questi, i Paesi totalmente abolizionisti sono 103; gli abolizionisti per crimini ordinari sono 6; quelli che attuano una moratoria delle esecuzioni sono 6; i Paesi abolizionisti di fatto, che non eseguono sentenze capitali da oltre dieci anni o che si sono impegnati internazionalmente ad abolire la pena di morte, sono 46.

I Paesi mantenitori della pena di morte sono scesi a 37 (al 30 giugno 2015) rispetto ai 39 del 2013. 

Sergio D'Elia

Carceri italiane, è strage

27-07-2015

Dice bene la segretaria di Radicali italiani, quando ci ricorda, come ha fatto  dalle colonne de Il Garantista che "le carceri continuano ad essere luoghi oscuri, impenetrabili all'interno delle quali può accadere di tutto. Può accadere, per esempio, che un ragazzo di trent'anni - è accaduto ad Enna recentissimamente - sia torturato e stuprato per tre settimane di seguito dai compagni di cella senza che il personale penitenziario, compreso quello sanitario, si accorga di nulla. Solo le urla della madre al colloquio, hanno salvato quel giovane: la donna si era accorta di una impressionante tumefazione ad un orecchio e ha chiesto spiegazioni alla Direttrice".

Valter Vecellio

Garante dei detenuti Lazio: bisogna intervenga “Chi l’ha visto”!

15-07-2015

Qualche tempo dopo che un errore è scomparso, gli uomini non sanno più capacitarsi di come abbia potuto essere preso sul serio. Claude-Adrien Helvétius, Dell’uomo, 1772 (postumo).

In un paese dove la politica si fa nei talk show, con proclami e populismo becero,  dove l’attenzione di molti italiani è rapita dai vari reality più o meno fantasiosi, in un paese dove è meglio non sapere, continua da anni nel silenzio criminale più assordante, quello della politica,  una mattanza di uomini, donne e bambini in carceri che lo stesso Napolitano definì lager.

Valeria Centorame

I detenuti dell’OPG denunciano la violazione dei loro diritti. Chiamateli matti

15-07-2015

“Giornata storica”. Anzi: “rivoluzionaria”. Così nei giornali il 30 marzo scorso. I il giorno in cui chiudono gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Una chiusura slittata già tre volte in due anni. Ma ora, finalmente ci siamo, i pazienti ricoverati negli OPG, finalmente vengono sostituiti dai REMS, le Residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza. Era ora. I Rems sono gestiti dai Dipartimenti di salute mentale che devono garantire assistenza e adeguati programmi terapeutici ai soggetti con patologie mentali.

Valter Vecellio
Condividi contenuti

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com