Direttore Valter Vecellio. 1 giorno 19 hours ago

Carceri e giustizia

Italia, chiedi scusa a Luciano Rapotez (se il ministro della Giustizia portasse un fiore sulla sua tomba…)

27-03-2015

Si chiamava Luciano Rapotez. È morto qualche settimana fa, dopo una vita lunga, tutt’altro che serena. Protagonista, ma più propriamente si dovrebbe dire vittima di una storia tremenda, che mette i brividi. Facciamo prima un passo indietro, andiamo al 1507, a Venezia: Pietro Tascal, detto “il Fornareto”, in quanto garzone di fornaio, viene accusato di assassinio, condannato e impiccato. Emerge poi la sua innocenza.

Valter Vecellio

Giustizia, Pannella a Mattarella: non vogliamo continuare a essere complici di chi ignora i messaggi della Presidenza della Repubblica

26-03-2015

“Con rispetto dico al Presidente della Repubblica e a tutte le istituzioni italiane che non vogliamo continuare ad essere complici della imprudenza del continuare ad aspettare che sulla giustizia, carceri, tortura e disperazione sociale si continui ad ignorare il messaggio della Presidenza della Repubblica, i messaggi di decenni che ci sono venuti dai pontefici e per prudenza occorre dire che l'Italia deve uscire hic et nunc dalla condizione criminale erede della criminalità di 50 anni fa fascista, nazista e magari adesso califfato”. Lo ha detto a Radio Radicale Marco Pannella, annunciando la sua presenza questa sera a Radio Carcere (trasmissione in onda alle 21 su Radio Radicale) nel corso della quale annuncerà iniziative nonviolente gravissime.

Marco Pannella

Quando il peccato è più grave del reato

23-03-2015

Lupi ha annunciato le dimissioni da Vespa e poi le ha argomentate in Parlamento. Inutile lamentarsi: “Porta a porta” ha più spettatori della Camera e anche per presentare la propria fuoriuscita dal governo è opportuno avere il picco dell’audience. Lupi ha rivendicato nell’informativa alla Camera il ruolo decisivo della politica nella sua decisione di uscire di scena. Ed è giusto se è vero che la politica è anche vigilanza e responsabilità. In realtà la decisione ha molte ragioni anche di carattere personale, dato il coinvolgimento dei familiari del ministro. Queste dimissioni fanno comunque tirare un sospiro di sollievo al presidente del Consiglio, il cui gelido silenzio degli ultimi giorni era già stato più eloquente di mille parole.

Fulvio Cammarano

La inascoltata denuncia di Carlo Nordio, la “cattiveria dei colleghi di Ilda Boccassini

23-03-2015

Ilda Boccassini, la “rossa”, come viene chiamata più per la folta capigliatura che per le idee politiche di cui nulla ci importa e nulla vogliamo sapere, è magistrato che ha fama d’essere spigolosa brusca, e discutibile; nel senso che non ha un carattere facile (e questo è un punto a suo favore), e alle spalle una quantità di inchieste che hanno fatto “notizia”, ma i cui esiti, spesso si prestano a critiche e osservazioni non infondate. Quel tipo di magistrato “decisionista”, “poliziotto”, ricordata per le sue inchieste sulle “olgettine” e la vicenda Ruby-Berlusconi; e le inchieste sulla mafia e la ‘ndrangheta in Lombardia, dalla “Duomo connection” fino ai giorni nostri.

Valter Vecellio
Condividi contenuti

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com