Direttore Valter Vecellio. 14 hours 53 min ago

Carceri e giustizia

Misericordia? Pannella a papa Francesco propone Spes contra spem

14-04-2015

Nella versione del “Discorso della Montagna” che ne dà Matteo, è la quinta di nove “Beatitudini”: “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia”. Ed è all’insegna della misericordia, questo Anno Santo appena indetto. In ebraico misericordia (khesed) affonda il suo significato nell’alleanza tra due parti, e dunque nella solidarietà attiva che una delle due deve all’altra, quando si viene a trovare in difficoltà. Per i greci con eleos intendono un sentimento di compassione, di pietà.

Valter Vecellio

Presidente Renzi, un tweet, un sms, un quel che vuole, ma risponda…

10-04-2015

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, se vuole, può; se può, come ci insegna Primo Levi, deve. Alle ore 22 del 10 aprile 1991, un quarto di secolo fa!, il traghetto “Moby Prince” salpa da Livorno alla volta di Olbia. A bordo, tra passeggeri ed equipaggio, ci sono 140 persone. Poco dopo la partenza, inspiegabilmente, la “Moby Prince” entra in collisione con una petroliera; una petroliera che trasporta greggio, altamente infiammabile. E’ una strage, a parte un mozzo, muoiono tutti, di una morte orribile, tra le fiamme e il fumo acre, soffocante, che brucia i polmoni. Si salva solo un mozzo, che ha la prontezza, il riflesso, oppure l’istinto, di aggrapparsi a un cavo e penzolare nel vuoto, in attesa dei soccorsi.

redazione N.R.

Giustizia: salute, studio su 16mila detenuti in 6 regioni "il 70 per cento ha almeno una patologia"

10-04-2015

Tra problematiche più diffuse i disturbi psichici e le malattie infettive come l'epatite C. Il 70% dei detenuti, circa 16 mila persone, nelle carceri di Toscana, Veneto, Lazio, Liguria, Umbria e negli istituti penitenziari dell'Azienda sanitaria di Salerno, è affetto da almeno una patologia: soprattutto disturbi psichici, malattie infettive e dell'apparato digerente.

AdN Kronos salute

Veneto. Cappellani penitenziari: Stop all'ergastolo, pena inutile

10-04-2015

L'ergastolo? Non serve a recuperare chi ha sbagliato e non serve a dare soddisfazione a chi ha subito un reato. I circa venti cappellani penitenziari del Triveneto spingono sull'acceleratore e, riprendendo con forza l'intervento scritto da papa Francesco all'Associazione internazionale di Diritto penale, dicono che è tempo di ripensare radicalmente all'istituto dell'ergastolo che, come dice il Pontefice, "è una pena di morte nascosta". E che c'è un'alternativa più efficiente e giusta.

Giorgio Malavasi
Condividi contenuti

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com