Direttore Valter Vecellio. 17 weeks 2 days ago

Carceri e giustizia

Papa Bergoglio e radicali uniti nel no a pena di morte e tortura. E tutti gli altri?

Curiosa corrispondenza, quella che di fatto si realizza tra un pontefice mezzo gesuita, mezzo francescano, venuto da ‘un Paese quasi alla fine del mondo’; e un’organizzazione laica e radicale come ‘Nessuno Tocchi Caino‘, che da sempre si batte contro la pena di morte, contro la tortura e contro le violazioni dei diritti umani e civili nelle carceri. Cosa dice Papa Francesco? Che bisogna abolire la pena di morte, «là dove essa ancora in vigore, e considerare la possibilità di un’amnistia». A ben vedere, non è proprio una novità.

Corte Costituzionale, ora la parola spetta ai presidenti di Senato e Camera, al presidente del Consiglio, a tutti i Parlamentari. Come vogliono corrispondere al monito del Presidente della Repubblica?

Per quel che riguarda noi radicali, lo sciopero della fame di dialogo e fiducia continua

Comunicato dei circa cinquanta dirigenti e militanti radicali in sciopero della fame di dialogo e fiducia, ormai da tre settimane:

Prescrizioni: oltre 70 mila prima del processo. Non sono i giudici più bravi a fare carriera. Cassazione: l’ingiusta detenzione va comunque risarcita

Occorre rivedere il sistema di elezione dei magistrati per i vertici dei tribunali e degli uffici giudiziari; e va rivisto anche il sistema sanzionatorio. “Perché i risultati a macchia di leopardo sulla velocità della giustizia civile e penale non dipendono tanto da eventuali carenze in organico, ma soprattutto dal modo in cui gli uffici sono amministrati”. Non male, vero? Se poi si tiene conto che si tratta di quello che il vice-ministro della Giustizia Enrico Costa va a dire alla Conferenza Nazionale dell’Avvocatura, e che ci carica sopra la volontà del Governo di portare avanti, per questo, la riforma del Consiglio Superiore della Magistratura, ecco che queste affermazioni acquistano un peso particolare.

Plenum Corte Costituzionale. Radicali in digiuno da due settimane chiedono ai Presidenti di Senato e Camera sedute permanenti e votazioni ad oltranza

Comunicato dei dirigenti e dei militanti radicali impegnati da due settimane in uno sciopero della fame di dialogo con i massimi rappresentanti dello Stato italiano

Martedì 1 dicembre, Camera e Senato si riuniranno in seduta comune per la ventinovesima volta, per eleggere i tre giudici della Corte Costituzionale mancanti per completare il plenum, come da dettato costituzionale prescritto.

Syndicate content

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com