Direttore Valter Vecellio. 48 weeks 7 hours ago

Elezioni

La fuffa della Leopolda. Una kermesse vuota e inutile

Leopolda si, ma non solo. Come la vogliamo mettere, con Maria Elena Boschi? Fino a ieri era tutto un osanna e una riverenza, un sottolineare bellezza e determinazione, il mix di acume, scaltrezza, capacità di gestire le situazioni più disparate, anche le più spinose? Ora è crucifige impietoso. Si critica tutto: dalle mise ardite stile country-buttera con cui si presenta alla Leopolda (in effetti una imitazione di Dolly Parton a una convention del tea party in Iowa), ai silenzi sulle vicende della Banca Etruria; il fatto che non risponde a Roberto Saviano, e che non rinnega il padre, e anzi, lo difenda dicendo che si tratta di una persona per bene… Ma davvero sono queste le critiche che si devono e si possono fare alla Madonna di Laterina?

All’indomani delle Regionali: “Blade Runner” all’italiana

Originali e loro “replicanti”, androidi identici agli esseri umani tranne che per la loro “durata”(!?), (data per scontata per prodotti artificiali così sofisticati, piuttosto che programmata come tale per ragioni di sicurezza) limitata della loro esistenza. Il Blade Runner di Ridley Scott (1982) risulta non solo fantasticamente attuale, ma quasi indispensabile per dare della situazione prospettica italiana una visione riconoscibile pur nella cruda artificiale luce fredda che la illumina sotto l'incessante, crescente pioggia che costituisce il sigillo di un ambiente irreparabilmente degradato, al punto che lo spazio ne costituisce ormai il sostituto necessario. Per poter operare in esso sono stati concepiti i replicanti dotati di poteri sovrumani.

La (s)partitocrazia dovrebbe fare un monumento a Rosy Bindi

Lo si può confessare, qui, che questa storia dei bindiani “impresentabili” la ai trova noiosa e stucchevole? Si può aggiungere che l’intero arco della (s)partitocrazia dovrebbe ringraziarla, la Bindi, e farle un monumento? Ha certificato, nero su bianco, con il timbro della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla mafia, che su circa quattromila candidati gli “impresentabili” sono 17; se ne ricava che gli altri 3.983 sono “presentabilissimi”. Fantastico! E chi se lo sarebbe mai immaginato che viviamo in un paese così lindo e pulito? Wow! E invece prendiamo tutti i commenti di queste ore, le inutili pensose analisi su quello che è stato. La fiera, la sagra del banale e della mediocrità…

Impresentabili: a quando le “liste buone” preparate direttamente dall’Anm, consulente Bindi?

"Sono un’'impresentabile' vera. Infatti, per le condanne ricevute per le disobbedienze civili che da vent’anni porto avanti con il movimento radicale per la legalizzazione della cannabis, non posso candidarmi alle elezioni amministrative, regionali comprese (*). Alle politiche nazionali ed europee, invece, sono 'presentabile'. È la legge, bellezza. E, quando non c’è la legge, c’è Bindi. 

Syndicate content

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com