Direttore Valter Vecellio. 1 year 12 weeks ago

Legalità

Sangue infetto: più di vent'anni fa lo scandalo. Oggi la prima udienza…

Uno degli scandali più odiosi di questo paese è stato (ma continua a essere) quello del sangue infetto: 80mila (ottantamila!) vittime, persone morte per le conseguenze derivate dalla commercializzazione dei cosiddetti farmaci emoderivati. Gli imputati per omicidio colposo plurimo sono una decina; si tratta di ex amministratori di case farmaceutiche italiane, accusati di aver consentito l’uso di sangue prelevato da persone a rischio, in un periodo in cui non esistevano ancora test specifici contro Aids e epatiti B e C. Si stima appunto che, negli ultimi 25 anni, circa 80mila pazienti siano deceduti per conseguenze legate all'uso di emoderivati che sarebbero stati prodotti con sacche di sangue infetto.

L’innesco radicale

Questa settimana per L’Iniziativa Radica a Rimini è stato un momento di conclusione di iniziative pluriennali.

Il consiglio comunale ha deliberato sulla istituzione del Garante delle persone detenute, e la Giunta comunale ha recepito le nostre osservazioni sul registro comunale dei testamenti biologici.

Le iniziative si sono sviluppate attraverso il coinvolgimento di altri e altre associazioni fin dall'inizio. Sono altri che sono diventati attori acanto a noi e noi con loro. Come se fosse necessario un innesco per attivare e informare. Momento che è stato fondamentale per permettere il raggiungimento degli obiettivi.

Elezioni regionali Piemonte: una vittoria (tardiva) che premia la caparbietà radicale

Dal lontano 2005 i Radicali, perfettamente da soli, denunciarono le malefatte di Michele Giovine che era entrato in Consiglio regionale con le firme false a sostegno della sua lista Pensionati, come poi stabilito dalla magistratura. Lo abbiamo denunciato in tutte le sedi per anni, producendo dossier e fornendo dati e informazioni alla stampa e alla politica nel disinteresse del centrodestra e del centrosinistra. Eppure per tutta la scorsa legislatura, per cinque anni, Michele Giovine ha proseguito le sue attività di consigliere regionale raggiungendo l'apice del paradosso quando il 20 e 21 marzo 2007 lo stesso Giovine è stato il rappresentante del Piemonte alla "Festa della legalità contro le mafie" di Don Ciotti.

##autore

Galleria Terni-Rieti. Aperta per i reati la via del Nord, sembra di sognare!

Aspetto da cinquant'anni l'apertura di questa galleria. Se ne cominciò a parlare nel 1964, all'epoca delle prime due giunte di centro sinistra del Comune e della Provincia di Rieti. Subito dopo la loro costituzione i partiti che le avevano volute si misero all'opera per realizzare un programma di sviluppo del territorio della Sabina. Il luogo d'incontro era la CCIAA di Rieti, che promuoveva i consorzi tra enti pubblici e privati per il finanziamento degli studi e dei progetti. Sono un testimone diretto di quegli incontri perché all'epoca ero il segretario organizzativo della Federazione provinciale del PRI di Rieti che del centro sinistra era stato il più convinto assertore.

Syndicate content

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com