Direttore Valter Vecellio. 1 year 4 weeks ago

Segretario

Rita Bernardini trattenuta dai carabinieri per aver offerto della cannabis ad uso terapeutico (*)

Rita Bernardini, segretaria dei Radicali ed ex parlamentare, continua a combattere per la legalizzazione delle droghe leggere. Dopo la perquisizione della polizia di qualche mese fa – Rita coltivava sul suo terrazzo 56 piantine di cannabis e rivendicava il diritto di “essere arrestata come tutti gli altri cittadini” – domenica 4 ottobre ha regalato in un incontro pubblico della cannabis a dei malati terminali.

Bernardini: lo Stato si accanisce sul corpo di Bernardo Provenzano

"Provo un brivido lungo la schiena. Oggi sono state scritte parole prive di qualsiasi contenuto di umanità, di ragionevolezza, di diritto. Lo Stato, attraverso la Corte suprema di Cassazione, si accanisce sul corpo di Bernardo Provenzano - un ultraottantenne completamente 'incapace di intendere e di volere' e totalmente immobilizzato in un letto - sentenziando che il 'carcere duro', il 41-bis per quel vecchio è necessario alla sua salute, altrimenti morirebbe".

"È uno Stato, il nostro, forte della violenza cieca degli impotenti, incapace di vincere il crimine con gli strumenti del diritto nel rispetto delle carte fondamentali sui diritti umani universalmente acquisiti".

Carcere: ufficio di sorveglianza di Modena da due anni senza giudice. In coma il detenuto che si era impiccato in carcere. Da domani in sciopero della fame

Antonio C. è in coma. Il suo legale a maggio aveva presentato un’istanza all’ufficio di sorveglianza perché il suo assistito, detenuto presso il carcere di Modena, ha seri problemi di salute mentale. Tuttavia, il giudice di sorveglianza non risponde per il semplice fatto che quello previsto in organico non c’è da due anni. Antonio C. – caso segnalato e conosciuto visto che era in cura al centro di igiene mentale di Sassuolo – si impicca nella sua cella, ma non riesce a farla finita tanto che ora è in coma all’ospedale di Modena.

Ho diverse domande da porre nel Paese delle meraviglie dove lo stupore si manifesta anche quando impiccagioni e morti sono con ogni evidenza preannunciate.

Come mai la notizia dell’impiccagione non è trapelata?

Gli Stati Generali siano davvero l’architrave della riforma penitenziaria: la Camera si fermi. E il ministro sciolga tre dubbi

Il ministro Andrea Orlando è intervenuto il 1 luglio alla prima riunione dei coordinatori degli Stati generali dell`esecuzione penale. Si è trattato di un incontro tra i responsabili che coordineranno i 18 tavoli in cui sono articolati i lavori. Come correttamente riportava Eleonora Martini sul Manifesto, Orlando, rivolgendosi in particolare a me, ha affermato che «la scelta di un percorso aperto è oggi possibile perché la situazione delle carceri non è più esplosiva dal punto di vista del sovraffollamento. Allora una discussione sulla finalità e sul senso della pena sarebbe stata surreale». 

Syndicate content

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com