Direttore Valter Vecellio. 15 hours 10 min ago

Ferrante (PD): dieci suicidi in 90 giorni, serve amnistia. Papa (Pdl): Lo Stato in flagranza di reato. Urge amnistia

21-02-2012

"L'ennesimo suicidio avvenuto nelle carceri italiane, il decimo in 90 giorni, ripropone con forza la situazione drammatica degli istituti di pena nel nostro paese, e le relative condizioni in cui vivono i reclusi e lavorano gli operatori. Non facciamoci distrarre da arditi progetti di carceri in project financing, ma affrontiamo con coscienza la strada percorribile e inevitabile del ricorso alle pene alternative e a forme di amnistia”. Lo dice il senatore del PD Francesco Ferrante, in merito al suicidio di un ragazzo 21enne, rinchiuso nel carcere di San Vittore, che si è tolto la vita impiccandosi.

"L'auspicio è che questo governo si dimostri più attento del precedente alla portata della stage silenziosa che si aggiorna drammaticamente tra le mura delle carceri italiane: dal 2000 al 20 febbraio 2012, secondo i dati dell'associazione ‘Ristretti Orizzonti’, sono 702 i suicidi dei detenuti, oltre a quelli del personale di guardia, che ha visto solo nelle ultime 48 ore due guardie carcerarie togliersi la vita. Mi auguro che la mia ventesima interrogazione della legislatura sulla situazione descritta riceva finalmente risposta dal ministro Severino, cui chiedo di riferire sulla reale consistenza del fenomeno delle morti in carcere e nei CIE in modo che possano essere concretamente distinti i suicidi dalle morti per cause naturali e da quelle, invece, avvenute per cause sospette. Chiedo anche al ministro se non ritiene ormai indispensabile e urgente ricorrere a forme di pene alternative e di amnistia per garantire un’immediata riduzione dell’affollamento delle carceri italiane ormai al collasso".

Papa (Pdl): Lo Stato in flagranza di reato. Urge amnistia
"La morte di Alessandro Gallelli è una morte tragica, sulla sua vicenda occorrerà fare chiarezza". Lo dichiara il deputato del Pdl Alfonso Papa riferendosi al suicidio del detenuto presso il carcere di San Vittore. "Ormai siamo di fronte ad un bollettino di guerra quotidiano. Dieci suicidi accertati dall'inizio dell'anno significa un suicidio ogni cinque giorni. Uno Stato democratico e civile può permettersi tutto questo? In Italia non esiste la pena di morte, ma si muore di pena. Nel 42% dei casi poi ad essere ristretti in cubicoli mortiferi sono persone in attesa di giudizio, proprio come Gallelli, ventiduenne e incensurato. Il decreto cosiddetto svuotacarceri non svuota un bel niente, e lo sappiamo tutti. Chi ha vissuto sulla propria pelle questa pena nella pena, ha il dovere della memoria e della denuncia, innanzitutto a nome di tutti quelli che 'sono suicidati' dallo Stato italiano. L'amnistia rappresenta il primo passo per interrompere la flagranza di reato da parte dello Stato".

 

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com