Direttore Valter Vecellio. 1 year 1 day ago

L'articolo 104 e la magistratura 10)

Le elezioni del Consiglio superiore

Mi sia consentita una parola anche su questo ultimo argomento, la cui importanza non sfugge a nessuno, ma a cui sono particolarmente sensibili gli stessi magistrati.

Al Consiglio superiore partecipano di diritto: a) il Presidente della Repubblica che lo presiede; b) il Primo presidente della Corte di Cassazione; c) il Procuratore generale della stessa. Gli altri componenti, dice l’art.104, sono eletti: per un terzo del Parlamento in seduta comune, tra professori ordinari e avvocati, e “per due terzi da tutti i magistrati ordinari appartenenti alle varie categorie”. Tutti i componenti del Consiglio appartenenti alla magistratura dunque, che non ne facciano parte di diritto, debbono essere sempre eletti da tutti i magistrati delle varie categorie. Non potranno compiersi elezioni separate per ciascuna categoria. Si tratti di elezioni di primo o di secondo grado, il collegio elettorale deve essere unico, e la lista definitiva dei candidati deve essere unica.

Ora, tanto il progetto di legge elaborato dalla Riforma giudiziaria, quanto quello elaborato dalla Commissione ministeriale Grassi, erano rispettosi di questo principio; e, tuttavia, volendo contemperare il comando costituzionale con l’esigenza di favorire la scelta dei migliori, avevano escogitato un sistema di doppia votazione che meriterà di essere segnalato. Ma non era stato altrettanto osservante del principio il progetto Zoli, che, secondo le indiscrezioni divulgate, prevedeva collegi elettorali diversi ed elezioni per categorie, con predominio notevole della categoria dei magistrati di Cassazione.

Nel sistema della doppia votazione, la prima di esse non serve che a designare i candidati, in numero triplo o doppio a quello degli eleggibili. La designazione si effettua nell’ambito dei collegi circoscrizionali; i magistrati di Cassazione costituiscono un collegio a parte; ciascun elettore vota per un numero di magistrati pari a due terzi dei candidati da designare: e, in tal modo, viene costituita una lista che comprende le rappresentanze di tutte le categorie, con adeguato rispetto delle minoranze. Su questa linea, poi, i magistrati costituiti in collegio unico nazionale procedono alla elezione dei componenti del Consiglio, rispettando il numero delle rappresentanze riservate in ogni categoria.

Ma, innanzitutto, chi sono i “magistrati ordinari” che hanno diritto di eleggere e di essere eletti?

10) Segue
 

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com