Direttore Valter Vecellio. 3 days 17 hours ago
Giulia Cerasoli

"Solo papa Francesco mi capisce", intervista a Marco Pannella

Solo papa Francesco mi capisce. Intervista a Marco Pannella

Marco Pannella ha rilasciato a Giulia Cerasoli del settimanale “Chi”, l’intervista che segue:

Per il suo compleanno (il 2 maggio ha compiuto 85 anni) il regalo più bello gliel’ha fatto il regista Ambrogio Crespi, fratello del sondaggista Luigi, un documentario-racconto sulla sua vita e le sue battaglie più importanti con il contributo di alcuni sostenitori storici come Pier Paolo Pasolini, Domenico Modugno, Vasco Rossi, Enzo Tortora e Giorgio Albertazzi. Marco Pannella con i suoi grandi occhi azzurri e la cravatta con i pesci, lo guarda assieme a noi, davanti a sei scatole di Toscanelli aromatizzati alla grappa. Ha un tumore al polmone, una metastasi al fegato, quattro by pass e altri piccoli problemi di salute, ma fuma ancora come un turco e ha iniziato da una settimana un nuovo sciopero della sete e della fame (poi, a intervista stampata, interrotto, ndr). Ieri ha mangiato due clementine e oggi ha bagnato le labbra con il caffè. Le analisi non vanno bene, ma lui sorride.

Scusi Pannella, ma lei pare immortale.
“È il mio segreto, come ha fatto a scoprirlo? D’altronde, come il Papa ha detto in udienza a Emma Bonino: l’erba cattiva non muore mai. Però quando mi dicono cento di questi giorni…Sai che palle? Per voi e per me!”

Non è detto, però.
“Certo, ne abbiamo fatte di rivoluzioni. E i risultati sono davanti agli occhi di tutti. L’antiproibizionismo, il divorzio, l’aborto legalizzato, le vedove bianche. Oggi le nonne si ricordano e mi sono riconoscenti. Sono sempre stato anticlericale. Sulle cose concrete, però. Il mio spirito è religioso. Ho sempre avuto rapporti splendidi con le suore. Mio zio, poi, era sacerdote e sono cresciuto con quei sentimenti, con quei valori. Per questo le nonne cattoliche si riconoscono in noi. Perché noi radicali ci siamo sempre battuti per la vita, per i temi etici e sociali, non solo per la politica”.

E che cosa rimprovera alla politica?
“Di dimenticarsi della vita vera. E di averci impedito per 50 anni di farci giudicare dalla gente, escludendoci dagli spazi televisivi. Grazie a noi, il servizio militare è professionale e volontario. Ma in pochi lo sanno”.

Non ha paura di morire?
“No. Altri vent’anni così, che palle! E poi sono sempre stato di ferro. Da bambino i contadini abruzzesi mi davano le salsicce di nascosto da mia madre. In fondo sono un salutista. Ho sempre ascoltato il mio corpo. Faccio le analisi tutti i giorni. La mia passione? Lo zucchero in zollette, faccio certe abbuffate. Però, poi, il digiuno è garanza di longevità. Ci sono studi scientifici su questo. Digiuno e longevità vanno a braccetto. Per questo anche le religioni lo prescrivono”.

Papa Francesco non l’ha sgridata per come tratta il suo corpo?
“Tutti gli altri sì, lui no. Anzi, mi ha detto. ‘Sia coraggioso, vada avanti così’. L’unico a dirmi una cosa del genere. Perché ha capito”.

Sente papa Francesco più vicino a lei rispetto ad altri pontefici che ha conosciuto?
“Beh, abbiamo anticipato molte delle cose che Francesco dice e fa. La sua religiosità, così vicina alle persone semplici e vere, è molto vicina anche alle mie origini. Sono un orso abruzzese, da piccolo assistevo a tutte le processioni di paese, con le donne che salivano sulla montagna salmodiando. E quel mio prozio sacerdote era un liberale, un talent scout, aveva una rivista alla quale collaboravano Benedetto Croce e Giovanni Gentile. Croce mi volle conoscere e, da quel momento, la sua famiglia matriarcale mi è sempre stata accanto. Pochi giorni fa è morta Lidia Croce, l’ultima figlia di Benedetto”.

Con papa Ratzinger e Giovanni Paolo II che rapporti ha avuto?
“Il polaccone lo sentivo spesso e Ratzinger…Beh, sapevo che ci avrebbe stupito”.

La sua è stata una vita esagerata, anche dal punto di vista sessuale. Ha dichiarato di aver avuto pure tre o quattro uomini.
“L’amore per me è dialogo. Ci sono varie forme di amore. E io ho sempre detto di aver amato alcuni esseri viventi, senza dividerli in categorie o per sesso”.

È vero che ha un figlio ‘segreto’ che è napoletano, come sua madre, che di nome fa Gabriella?
“Sì, quello è sicuro mio figlio. Ne siamo tutti e tre consapevoli, ma abbiamo deciso di non pubblicizzarlo. Non era il caso. Credo che ce ne sia pure un altro in giro”.

Ma non le interessa di questo suo figlio napoletano, anche se non lo ha desiderato?
“Sì che mi interessa”.

Anche Emma Bonino ha scoperto di avere un tumore e ha rinunciato alla corsa per il Quirinale per curarsi.
“Emma è sempre stata la faccia istituzionale del nostro partito. È stata lei a chiedere a papa Francesco di telefonarmi, quando ero in pericolo di vita per il digiuno che si protraeva. È stata Commissario europeo e l’unico ministro radicale della storia. Ora sta combattendo contro un tumore. Io contro due. Battaglie sempre parallele le mie e le sue”.

Che cosa pensa del presidente del Consiglio Matteo Renzi? Ha rottamato molti dei suoi compagni di partito e ha portato la sua rivoluzione.
“Dico che non ha valori davvero profondi. È insofferente nei confronti di chi è in età avanzata. Un bischero toscano. Molto abile. Ma quali sono i valori su cui sta costruendo la sua rivoluzione? E soprattutto, gli importa davvero di costruire qualcosa di valore?”.

Lei ha scritto: ‘Il crimine più grande è stare con le mani in mano’. Per questo non si ferma mai. Nemmeno ora che ha compiuto 85 anni.
“Esatto. Anche se Matteo Angioli (il suo assistente) non è sempre d’accordo, soprattutto in merito a fumo e digiuno”.

Va bene la battaglia pacifista e nonviolenta per la riforma della giustizia e delle carceri per la quale sta facendo lo sciopero della sete; ma fumare così tanto che senso ha?
“Guardi, tempo fa ho portato al mio medico curante 30 anni di radiografie dei polmoni e del resto. Le ha esaminate e alla fine mi ha detto che non devo assolutamente smettere di fumare, anzi”.

Notizie Radicali: il giornale telematico di Radicali Italiani - Direttore: Valter Vecellio
Team: Simone Sapienza, Maria Veronica Murrone
Sito web: Mihai Romanciuc
Vuoi collaborare? Scrivi a notizie.radicali.it@gmail.com