Congresso radicale. Sessant’anni di libertà (*)